E’ il caso di “scomodare” un altro Grande Poeta: Giacomo Leopardi con L’Infinito

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle,e questa siepe, che da tanta partedell’ultimo orizzonte il guardo esclude.Ma sedendo e mirando, interminatispazi di là da quella, e sovrumanisilenzi, e profondissima quieteio nel pensier mi fingo, ove per pocoil cor non si spaura. E come il ventoodo stormir tra queste piante, io quelloinfinito silenzio a questa vocevo comparando: e mi sovvien l’eterno,e le morte stagioni, e la presentee viva, e il suon di lei. Così tra questaimmensità s’annega il pensier mio:e il naufragar m’è dolce in questo mare”.

Corno Grande vetta Occidentale 2912slm

Una meringa sul bacino superiore del Ghiacciaio del Calderone

Il bacino superiore del Ghiacciaio del Calderone

Laghetto Pietranzoni

Larici in autunno

Pozze d’acqua d’alta quota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*