Le Pagliare di Tione, Fontecchio e Fagnano considerata l’Alta Val Camonica d’Abruzzo

Villaggi rurali d’altura, abitati alcuni periodi dell’anno e abbandonati tra gli anni ’60-70, sono oggi presenze preziose nel territorio del Parco Sirente Velino che hanno conservato intatto il fascino e le suggestioni del mondo pastorale e contadino. Nascono per lo sfruttamento delle aree agricole montane ed i pascoli di quota, in un sistema di equilibrio perfetto e di gestione di tutto il territorio comunale: la loro localizzazione era intermedia tra il paese a valle ed i pascoli montani, per sfruttare ogni superficie di terreno distante dai centri abitati e su quote diverse.

O passegger che passi in questa via non ti scordar di salutar Maria, riprendi poi la tua via avrai vicino a te la Vergine Maria.

O passegger che passi in questa via non ti scordar di salutar Maria, riprendi poi la tua via avrai vicino a te la Vergine Maria.

La chiesa della Trinità comprende l’aula liturgica e un campanile a vela, con due locali di servizio adiacenti, un tempo abitati da un eremita. La facciata è sghemba, condizionata dalla posizione della chiesa sul declivio del colle. La lunetta frontale contiene un ingenuo dipinto con le figure del Padre canuto (che benedice in modo trinitario), del giovane Figlio e della colomba dello Spirito Santo, ritratti sullo sfondo della fedele riproduzione della facciata della chiesa e di una delle Pagliare.

La chiesa della Trinità comprende l’aula liturgica e un campanile a vela, con due locali di servizio adiacenti, un tempo abitati da un eremita. La facciata è sghemba, condizionata dalla posizione della chiesa sul declivio del colle. La lunetta frontale contiene un ingenuo dipinto con le figure del Padre canuto (che benedice in modo trinitario), del giovane Figlio e della colomba dello Spirito Santo, ritratti sullo sfondo della fedele riproduzione della facciata della chiesa e di una delle Pagliare.

C Il forno D Una finestra sul Majori, pronto all'imbarcoLe Pagliare erano insediamenti residenziali a servizio dell’agricoltura e del pascolo, la loro tipologia derivava direttamente dalla doppia funzione: il piano terra per il ricovero degli animali, mentre il piano superiore era la residenza dei pastori-contadini nel periodo invernale, che in estate venivano raggiunti dalle famiglie il tempo necessario per raccogliere i frutti.

E La via principale F Panorama sul borgo G Il pozzo in pietraI materiali costruttivi delle Pagliare sono la pietra e il legno; il fabbricato ha una struttura semplice ed essenziale, senza decorazioni se non negli elementi funzionali all’utilizzo, come gli anelli in pietra realizzati per legarvi l’asino, il mulo o il cavallo. Le case erano dotate di cisterne sotterranee per la raccolta di acqua piovana, che dovevano sopperire alla scarsità di acqua dell’insediamento. Appartengono ai comuni di Fagnano, Fontecchio e Tione degli Abruzzi e costituiscono oggi una testimonianza assolutamente autentica del legame inscindibile dell’uomo con il proprio territorio. I tre villaggi delle Pagliare, localizzate nel versante destro della valle dell’Aterno, inseriti in un contesto ambientale estremamente isolato.

H Una finestra sul Sirente I Le Pagliare di Fontecchio e il lago L L'immenso lago

M Sant'Anna

Sensibile ai sentimenti dei cittadini di Fontecchio memori delle antiche tradizioni che li portavano a trasferire in questo alpestre villaggio la loro tenace operosità e la loro profonda religiosità. La Civica Amministrazione volle ricostruire questa chiesa dedicata alla Madre della Mamma Celeste riconsegnandola al culto ed al rispetto della popolazione. Pagliare di Fontecchio, S. Anna 1992

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *