Dolomites Skyrace 2013

Distanza totale: 21020 m
Altitudine massima: 3028 m
Totale discesa: -1926 m
Tempo totale: 04:22:04

International Skyrunning Federation CANAZEI,  19 – 21  Luglio   2013

EURO SKY RUNNING CHAMPS  2013

La sedicesima edizione della Dolomites SkyRace rimarrà sicuramente negli annali della storia. Un arrivo allo sprint dopo 22 km percorsi con un ritmo forsennato e 3500 metri di dislivello, gareggiando addirittura sulla neve in quota, che ha visto trionfare ancora una volta il cannibale Kilian Jornet Burgada su uno straordinario Marco De Gasperi. Entrambi capaci di abbassare il record della manifestazione di oltre un minuto. Un altro titolo europeo dunque per il 25enne campione spagnolo, due giorni dopo quello ottenuto sempre in Val di Fassa nella specialità del vertical kilometer, e altri due primati messi nel suo superlativo palmares: quello della gara che gli apparteneva e migliorato di ben 1 minuto e 42 secondi, e perfino quello della salita più veloce dai 1450 metri di Canazei ai 3152 di Piz Boè, abbassato di 47 secondi rispetto a quello che fissò nel 2007 Agusti Roc Amador. Super tempi che ha comunque stracciato pure il bormino della Forestale De Gasperi, autore dell’ennesima prestazione di assoluto livello e beffato per un’inezia sul traguardo di Canazei. Oro dell’European Skyrunning Championships dunque alla Spagna davanti a due alfieri italiani, visto che in terza posizione ha concluso il campione tricolore in carica Tadei Pivk, con un ritardo di 3 minuti e 59 secondi dal vincitore. In campo femminile Emelie Forsberg ha concesso il bis dopo l’affermazione in Val di Fassa di dodici mesi fa, portando in Svezia una medaglia d’oro europea. Non è riuscita a ritoccare il suo record della competizione, prendendosi però la soddisfazione di stracciare il primato della discesa dal Piz Boè a Canazei di oltre 5 minuti. Dai 58’47” che fece registrare Angela Mudge nel 2007 ai 53’09” della portacolori del team Salomon di quest’anno.

Partenza_Paolo

Grande successo dunque per la Dolomites SkyRace della Val di Fassa, che ha visto la presenza di 740 partenti, per un totale di oltre 900 iscritti considerando la sfida di due giorni prima, ma soprattutto ben 18 Nazioni rappresentate.

Un’edizione che è stata incerta dal primo all’ultimo metro. Dopo 6 chilometri di gara al Passo Pordoi (2239 metri) si era formato subito un terzetto al comando con De Gasperi, Jornet e lo svizzero David Schneider, che precedevano il rumeno Ionut Zinca e il ceko Ondrej Fejfar di una quindicina di secondi, ma quando la verticalità si è accentuata nelle suggestive inversioni che portavano ai 2829 metri di Forcella Pordoi la coppia di extraterrestri aveva già fatto il vuoto, transitando appaiati nella suggestiva galleria di 12 metri scavata nella neve con De Gasperi davanti. Nemmeno il tempo per fiatare al primo ristoro che il catalano ha tentato l’allungo con il bormino sorprendentemente incapace di reagire, tant’è che nel punto più alto della gara, ai 3152 metri del Piz Boè Kilian è passato per primo con un vantaggio di 27 secondi su De Gasperi, quindi a 2 minuti e 53 secondi il friulano Tadei Pivk, seguito ad un minuto dal francese Alexis Sevennec e leggermente più staccati lo svizzero David Schneider e il giovane francese Mathéo Jacquemoud.

Nella discesa, quasi a volersi prendere la rivincita per essere stato staccato sul suo terreno congeniale, De Gasperi è riuscito a riprendere Jornet Burgada. Da quel momento, passando per la Val Lasties e per Pian de Schiavaneis, fino all’abitato di Canazei i due sono rimasti praticamente appaiati, con l’intenzione di giocarsi il tutto per tutto allo sprint. E così è stato. Proprio nell’ultima curva lo spagnolo ha dimostrato di avere qualche energia in più, mentre qualche crampo ha tradito De Gasperi. Grande soddisfazione dunque per l’uomo record Kilian Jornet Burgada che ha fissato il cronometro sul tempo di 2h00’11”, di soli 3 secondi meglio rispetto a quello del forestale. Dietro il friulano Pivk ha mantenuto la terza piazza, concludendo con un ritardo di 3’59” dal catalano.

Senza storia la gara femminile con la svedese Emelie Forsberg in testa al primo all’ultimo chilometro. La mancanza di avversarie a stretto contatto le ha permesso di gestire la gara senza patemi d’animo e forse proprio per questo motivo non è riuscita a ritoccare il suo record, considerando il percorso particolarmente veloce grazie anche alla neve nei pianori. Sul traguardo di Canazei ha concluso con il tempo di 2h26’52”. Un’altra medaglia d’argento all’Italia grazie alla 24enne trevigiana di Oderzo Silvia Serafini, che ha terminato la sua prova con un ritardo di 10’03” dalla dominatrice, recuperando una posizione in discesa, quindi in terza piazza la spagnola Nuria Dominguez Azpeleta, che ha rimontato in discesa sulla polacca Wisniewksa, chiudendo con un ritardo di 10’49” dalla Forsberg. Finale difficile per la polacca, che era stata in lizza per il podio nella prima parte, transitando seconda sia alla Forcella Pordoi sia al Piz Boè con un ritardo di circa 3 minuti dalla Forsberg e alla fine solamente quinta.

Dopo la Dolomites SkyRace sta prendendo forma anche la classifica generale per nazioni dell’European Skyrunning Championships, circuito su tre tappe comprendente le due competizioni fassane, che si concluderà venerdì prossimo nel vicentino con la Trans d’Havet, una ultramarathon di 80 chilometri. Saldamente in testa l’Italia con 622 punti, seguita dalla Spagna con 558, dalla Francia con 480, dalla svizzera con 380 e dalla Repubblica Ceka con 216.

Assegnato anche il IV Memorial Diego Perathoner, la combinata fra la Dolomites SkyRace e il Sellaronda Skimarathon invernale, le due gare che lui aveva ideato. A vincere sono stati il friulano Tadei Pivk e la trentina della Val di Non Federica Iachelini.

Quest’anno c’è stata una folta rappresentanza di atleti Aquilani, ben 8 di cui 7 uomini ed una donna  nella due giorni di Canazei. Raffaele Adiutori sul Vertical Kilometer  che ha fatto registrare un astronomico tempo  di 40’,13” in campo femminile  Ciacca Francesca con il tempo di 1:24:03.  Nella gara di elite e cioè la Dolomites Skirace c’è stata,  per la prima volta,  la partecipazione di Giancola Francesco e Ciuffetelli Amedeo  dell’Associazione I Corridori del Cielo, il primo ha concluso  con il tempo di 3:22:03 ed il secondo  con il tempo di 3:24:27 .  Due ottimi tempi se si considera  il percorso altamente tecnico ed innevato.  Altro  tempo di rilievo è stato fatto registrare   da parte  del veterano della competizione, Boccabella Paolo  che ha concluso con 2:39:14 sempre dell’Associazione I Corridori del Cielo.   Ancora  in campo maschile  c’è stata la bellissima  prova di tre atleti dell’SDS L’Aquila i quali hanno  concluso la gara con i seguenti tempi:   Novaria Alessandro 2:22:25, De Paulis Davide 2:38:02 e Tartaglia Giampiero  3:08:44.

  • Partenza_Paolo
  • il tunnel della forcella pordoi _ Paolo
  • il tunnel della forcella pordoi _ Amedeo
  • il tunnel della forcella pordoi _ fran
  • Piz Boè  Paolo
  • piz Boè1 Paolo
  • Piz Boè_Fran
  • Piz Boè _ Amedeo
  • Val Lasties_Paolo
  • Val Lasties_Amedeo
  • Val Lasties_Fran
  • arrivo paolo
  • arrivo fran
  • arrivo amedeo
Partenza_Paolo1 il tunnel della forcella pordoi _ Paolo2 il tunnel della forcella pordoi _ Amedeo3 il tunnel della forcella pordoi _ fran4 Piz Boè  Paolo5 piz Boè1 Paolo6 Piz Boè_Fran7 Piz Boè _ Amedeo8 Val Lasties_Paolo 9 Val Lasties_Amedeo10 Val Lasties_Fran11 arrivo paolo12 arrivo fran13 arrivo amedeo14
Slider CSS3 by WOWSlider.com v3.8m

Il dato  altamente tecnico della manifestazione è stato quello dei  740 partiti ne  sono stati classificati 541 di cui 202 atleti hanno concluso la Dolomites sotto le  TRE ORE.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *