La piccola storia del rifugio Paolo Emilio Cichetti

L’8 febbraio del 1929 cominciava l’odissea di due fortissimi Alpinisti il cui esito sarebbe terminato il 15 giugno dello stesso anno, giorno del ritrovamento. Infatti si consumò la tragedia dei Valorosi Uomini Mario Cambi e Paolo Emilio Cichetti. In questo articolo non parleremo della drammatica e commovente storia, dove altre autorevoli fonti hanno pubblicato ampie e dettagliate relazioni, ma riportiamo la piccola storia riferita al Rifugio sui Monti Sibillini, nei pressi del Lago di Pilato, intitolato a Paolo Emilio Cichetti che costò le dimissioni al Presidente della Sezione del Club Alpino Italiano dell’Aquila. L’Avvocato Michele Iacobucci, Presidente del Sodalizio Aquilano fino al 1934, si era fatto convincere dai suoi amici della Sezione di Macerata a costruire un piccolo rifugio intitolato a Paolo Emilio Cichetti sopra il lago di Pilato sui Sibillini. Il manufatto fu anche ritenuto necessario come punto d’appoggio più comodo per effettuare esplorazioni alpinistiche sul vicino Pizzo del Diavolo. Nell’autunno del 1933 il rifugio, edificato in una zona ritenuta “sicura”, era pronto per l’inaugurazione che fu rimandata alla primavera del ’34, ma il manufatto, purtroppo, non c’era più perché un’enorme valanga, proveniente dal monte Vettore, lo aveva fatto letteralmente esplodere, scagliando i laterizi ed altro fin sotto la parete di Pizzo del Diavolo, radendolo al suolo e scagliando la soletta di cemento armato 200 metri più in alto sul versante opposto. Naturalmente ci furono aspre critiche per la scelta del posto dietro uno scontento generale. La Sezione Aquilana era impegnata per 6000 lire, corrispondenti a 10 milioni di lire di qualche anno fa: Iacobucci disse “ho sbagliato io e pago io, però lascio la presidenza del CAI e del GAS, Gruppo Aquilani Sciatori”. Restò solo Segretario dell’Associazione Nazionale Alpini, l’ANA. Forse questa fu anche una contestazione al regime… Perché la cosa accadde nel momento in cui il Club Alpino Italiano diventava Centro Alpinistico Italiano e la Sezione era un organismo di questo centro, col dirigente nominato dal segretario federale; Iacobucci prese l’occasione della “cambiale”, pagandola e andandosene, per non diventare un dipendente di partito.

Il rifugio in costruzione (foto archivio Angelo Maurizi)

Il rifugio e Pizzo del Diavolo (foto archivio Angelo Maurizi)

Il rifugio distrutto dalla slavina (foto archivio Angelo Maurizi)

Idem

Monumento a Paolo Emilio Cichetti lungo la valle del Rio Arno

Targa Cichetti

Monumento edificato a Mario Cambi compagno di cordata di Paolo Emilio Cichetti sempre in località Valle del Rio Arno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*