LA VIA DELLE CIMETTE

15 GIUGNO 2013
Da un’analisi di una vecchia carta topografica del Club Alpino Italiano dell’Aquila datata 1887, 1:100000, è stata individuata una Via d’alta quota denominata, dagli abitanti di Isola del Gran Sasso, la VIA DELLE CIMETTE.  La  predetta Via alpinistica è stata riportata anche su un’altra carta del Sodalizio Aquilano, 1:50000, edizione 1984. Successivamente,  quando il CAI dell’Aquila ha  rivisto tutte le carte riportandole a 1:25000,  la via non è stata menzionata.

  • La rasoiata di Santa Colomba
  • Il torrente del Malepasso
  • I ripidi prati
  • L'uscita dalla suite
  • L'anemone
  • Superato Monte Palombo
  • Comincia il traverso
  • Ecco la piccozza
  • Sullo sfondo la Torre di Casanova
  • Le famose brecce
  • Panorama sul Prena
  • Tratto del Sentiero del Centenario
  • Monte Brancastello 2385slm
  • Si scende
  • Bella neve
  • Il camoscio
  • L'innominata
  • La peonia
  • L'ultimo sparo
La rasoiata di Santa Colomba1 Il torrente del Malepasso2 I ripidi prati3 L'uscita dalla suite4 L'anemone5 Superato Monte Palombo6 Comincia il traverso7 Ecco la piccozza8 Sullo sfondo la Torre di Casanova9 Le famose brecce10 Panorama sul Prena11 Tratto del Sentiero del Centenario12 Monte Brancastello 2385slm13 Si scende14 Bella neve15 Il camoscio16 L'innominata17 La peonia18 L'ultimo sparo19
Slider Website by WOWSlider.com v3.8

DESCRIZIONE DELLA VIA

Superato l’abitato di Pagliara, fraz. di Isola del Gran Sasso, c’è una carrozzabile che porta al Lago di Pagliara. Prima di arrivare al lago omonimo c’è un bivio con cartello indicando una località: Piane del Fiume. Si lascia l’autovettura a q.605 per percorrere una carrareccia che dapprima supera il torrente di Fossaceca e successivamente raggiunge un’area  pic-nic a q.805 denominata:  Piane del Fiume. Qui inizia il sentiero n. 17, sempre della carta del CAI dell’Aquila, 1:25000, che conduce alla chiesetta di Santa Colomba a q.1234, venerata dagli Isolani il 1 settembre di ogni anno. Superata la cappella si raggiunge la sorgente del Malepasso a q.1500ca, non segnalata. A questo punto si abbandona il sentiero n.17, che successivamente raggiunge Vado del Piaverano a q.2227, per imboccare il letto di un torrente stagionale fino ad arrivare ad un antico stazzo con ricovero sicuro, in caso di maltempo, a q. 1879. Da questo punto si individua una traccia pastorale che taglia sotto il Cimone di Santa Colomba fino ad arrivare ad un vero e proprio “caseggiato pastorale” che un tempo prestava ricovero e foraggio a diversi capi di ovini. Siamo a q.2021 ed ancora per tracce di sentiero si arriva ad una comba, sotto le Torri di Casanova dove ha inizio la vera VIA DELLE CIMETTE. Qui si è in un completo isolamento, il panorama è mozzafiato, l’aria comincia ad essere rarefatta e nel periodo primaverile si incontrano delle pozze d’acqua insapore, proveniente dallo scioglimento delle nevi, in alcuni anni quasi perenni. La Via traversa tutta la fascia di rocce sotto le Torri fino a raggiungere, attraverso alcuni sfasciumi, il Vado del Piaverano, 2227slm, da qui fino al Monte Brancastello, 2385slm. Il ritorno viene effettuato per il sentiero n.17  dal Vado del Piaverano.

Dislivello positivo 1700m
Dislivello negativo 1700m
Tempo di percorrenza h 6,00ca.

Paolo Boccabella

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*