Dove vive il primo “titolare” della definizione di cresta.

Quando leggiamo in una qualsiasi rivista, vocabolario o altro la parola cresta pensiamo subito a quella rossa escrescenza carnosa del gallo in un pollaio, austero, serio, supponente, infatti è lui il vero “detentore” di questo vocabolo.  In montagna una cresta incute timore, rispetto,  è una linea dentellata che si staglia verso il cielo, com’è dentellata quella del gallo. E’ il regno del vento dove bisogna avvicinarsi  con il massimo rispetto, onde evitare di ricevere la sua ira in piena faccia. Infatti è la linea di congiungimento di due versanti montuosi opposti  quando la loro intersezione avviene a tetto, prima di toccare insieme il cielo. Dove lo spazio sotto i piedi è risicato perché a destra e a sinistra c’è il vuoto. Occorre rimanere sempre concentrati mettendo i piedi precisi uno davanti all’altro, cercando di non scattare fotografie o di osservare il paesaggio: è meglio fermarsi. Tuttavia è emozionante stare lassù “padroni”, in quel momento, del mondo che ci circonda e noi esseri viventi microscopici godiamo di quella straordinaria bellezza.   


La vetta Centrale, il Torrione Cambi, Punta Sivitilli (la Madonnina) e la “famigerata” “Coppitana”.


L’ultama cresta prima della vetta. con Marco Chiaranzelli


L’imperiosa cresta del Corvo e il lago di Campotosto con Iivan Argentini


L’ultima asperità con Pierluigi Polce

Verso il cielo

I “residsenti” del luogo al sicuro da eventuali attacchi.


Una cresta “addomesticata” dalla neve.


La famosa cresta del Sentiero Alpiniustico del “Centenario” con Amedeo Ciuffetelli

Le creste del Prena


L’imperiosa cresta del Corvo.

L’Arco CIgliano, l’abitato di Mascioni e il lago di Campotosto

Il Corno Monte 2912slm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*