“In montagna, bisogna entrare in punta di piedi, bussando e chiedendo permesso. Da essa non si esce né vinti né vincitori. Forse se ne esce uomini migliori”(Arete de Rochefort a metà strada).

Il Breithorn fu scalato per la prima volta nel 1813 da Henry Maynard (scalatore) , Joseph-Marie Couttet , Jean Gras , Jean-Baptiste Erin e Jean-Jacques Erin .   Il Breithorn in tedesco “corno largo”, 4.164 slm fa parte della catena montuosa delle Alpi Pennine con la sua vetta più alta con lo stesso nome  chiamata Breithorn,  cima occidentale,  situata al confine tra Svizzera e Italia . Si trova sulla catena principale delle Alpi, a circa metà strada tra il Cervino e il Monte Rosa e ad est del Passo del Teodulo . La maggior parte del massiccio è glaciale e comprende diversi picchi sussidiari, tutti situati ad est della vetta principale: il Breithorn centrale , il Gendarm o Breithorn orientale  e la Roccia Nera . Considerato  il  4.000  più facilmente scalabile, ciò è dovuto alle funivie che arrivano al Rifugio Guide del Cervino  che portano  gli alpinisti a  3.480  sia da Cervinia che da Zermatt.  La via standard  (fianco SSO)  parte dal versante italiano della montagna  (versante sud) e prosegue su un altopiano glaciale prima di salire in vetta su un pendio nevoso di 35 gradi con in ultimo una affilata cresta da rimpiangere tutte le “comodità” delle funivie. Tuttavia, gli alpinisti inesperti possono incontrare gravi difficoltà se non si presta attenzione vicino ai cornicioni o in caso di maltempo.  Per gli scalatori esperti che desiderano più di una sfida, la mezza traversata della cresta del Breithorn è un’altra opzione…

Il Braithorn la cresta finale

Crepacci

Seracchi

Cervibia 2050slm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*